Gastrina: caratteristiche, struttura, produzione, funzioni

La gastrina è un ormone peptidico prodotto dalle cellule G presenti nella mucosa dello stomaco, del duodeno e del pancreas. È stata scoperta per la prima volta negli anni ’50 del secolo scorso e da allora ha suscitato l’interesse degli scienziati per il suo ruolo cruciale nella regolazione della secrezione gastrica e della motilità gastrointestinale. La gastrina è costituita da un peptide di 17 aminoacidi con una struttura a catena aperta, che viene rilasciato in risposta alla presenza di cibo nello stomaco e al pH acido. Uno dei suoi principali effetti è quello di stimolare la produzione di acido cloridrico da parte delle cellule parietali dello stomaco, contribuendo alla digestione dei cibi e alla distruzione di agenti patogeni. Inoltre, la gastrina è coinvolta nella regolazione della motilità gastrica e dell’assorbimento di nutrienti, nonché nella proliferazione delle cellule epiteliali dello stomaco e del pancreas.

La gastrina: Funzione e importanza nel sistema digestivo

La gastrina è un ormone prodotto dalle cellule G dell’epitelio gastrico. Queste cellule si trovano nella mucosa dello stomaco e nell’intestino tenue. La gastrina svolge un ruolo importante nel sistema digestivo, in quanto regola la produzione di acido gastrico e la motilità gastrointestinale.

Caratteristiche e struttura della gastrina

La gastrina è una piccola proteina composta da 17 aminoacidi con un peso molecolare di circa 1800 dalton. La sua struttura è costituita da una catena polipeptidica con un ponte disolfuro tra gli aminoacidi 3 e 12.

Produzione della gastrina

La gastrina viene prodotta dalle cellule G dell’epitelio gastrico in risposta a diversi stimoli, tra cui il cibo, la distensione dello stomaco e la presenza di proteine e aminoacidi nel tratto gastrointestinale. La gastrina viene secreta nel sangue e agisce sui recettori gastrinici presenti sulle cellule parietali gastriche.

Correlato:  Rizosfera: composizione, parti, importanza

Funzioni della gastrina

La gastrina svolge diverse funzioni nel sistema digestivo:

  • Regolazione della produzione di acido gastrico: la gastrina stimola le cellule parietali gastriche a produrre acido cloridrico e pepsina, due sostanze necessarie per la digestione delle proteine.
  • Regolazione della motilità gastrointestinale: la gastrina stimola la motilità dello stomaco e dell’intestino tenue, favorendo la miscelazione e la progressione del cibo nel tratto gastrointestinale.
  • Stimolazione della crescita delle cellule gastriche: la gastrina promuove la proliferazione delle cellule G, aumentando la produzione di gastrina stessa e di acido gastrico.

La gastrina è inoltre coinvolta nella regolazione della secrezione di altri ormoni gastrointestinali, come la secretina e il peptide YY, e nell’assorbimento di nutrienti come il calcio e il ferro.

Cosa stimola la produzione di gastrina: gli attori principali

La gastrina è un ormone prodotto dalle cellule G dello stomaco e dal duodeno, ed è responsabile della regolazione della produzione di acido gastrico e della motilità gastrica. La sua produzione è stimolata da diversi fattori, che possono influenzare il suo livello nel corpo.

Alimenti proteici: la presenza di proteine nei cibi stimola la produzione di gastrina. Questo è il motivo per cui il consumo di alimenti proteici può causare un aumento dell’acidità gastrica e della motilità dello stomaco.

Distensione gastrica: quando lo stomaco si riempie di cibo, le pareti muscolari si distendono e questo stimola la produzione di gastrina dalle cellule G dello stomaco. Questo meccanismo è importante per regolare la digestione e la motilità gastrica.

Acido cloridrico: l’acido cloridrico presente nello stomaco stimola la produzione di gastrina dalle cellule G. Questo ormone a sua volta stimola le cellule parietali dello stomaco a produrre più acido cloridrico, creando un ciclo di feedback positivo.

Neurotrasmettitori: i neurotrasmettitori come l’acetilcolina e la serotonina possono stimolare la produzione di gastrina. Questi composti sono rilasciati dalle terminazioni nervose dello stomaco e del duodeno, e regolano la motilità gastrica e la secrezione di acido gastrico.

Correlato:  Rischio riproduttivo: fattori, valutazione, prevenzione

Ormoni: diversi ormoni possono influenzare la produzione di gastrina. Ad esempio, la somatostatina inibisce la secrezione di gastrina, mentre la secretina e il peptide intestinale vasoattivo (VIP) stimolano la produzione di gastrina.

Comprendere questi meccanismi può aiutare a sviluppare nuovi approcci terapeutici per le malattie dello stomaco e dell’intestino.

Gastrina 17: Definizione e Funzioni

La Gastrina è un ormone prodotto dalle cellule G del piloro e del duodeno, che agisce sul tratto gastrointestinale e sulle ghiandole digestive. Esistono tre tipi di Gastrina: Gastrina 17, Gastrina 34 e Gastrina 14. In questo articolo ci focalizzeremo sulla Gastrina 17.

Caratteristiche e Struttura della Gastrina 17

La Gastrina 17, come suggerisce il nome, è composta da 17 amminoacidi ed è la forma più comune di Gastrina. È un ormone prodotto dalle cellule G del piloro gastrico e del duodeno inferiore.

La Gastrina 17 è costituita da una catena di amminoacidi, che si lega a un recettore specifico situato sulla superficie delle cellule parietali dello stomaco. Il legame tra Gastrina e recettore attiva una serie di reazioni che portano alla secrezione di acido cloridrico e pepsina nello stomaco.

Produzione e Regolazione della Gastrina 17

La produzione della Gastrina 17 è regolata da diversi fattori. Il principale stimolo per la produzione di Gastrina è la presenza di cibo nello stomaco. In particolare, la presenza di proteine e di peptidi nell’intestino tenue stimola la produzione di Gastrina 17.

La Gastrina 17 è anche regolata da altri fattori, come il pH dello stomaco, la presenza di ormoni gastrointestinali e la stimolazione nervosa. Ad esempio, l’acetilcolina, un neurotrasmettitore, può stimolare la produzione di Gastrina 17 attraverso la stimolazione dei recettori muscarinici presenti sulle cellule G del piloro gastrico e del duodeno inferiore.

Funzioni della Gastrina 17

La Gastrina 17 è un ormone chiave nella regolazione della secrezione di acido gastrico e pepsina. La sua principale funzione è quella di stimolare le cellule parietali dello stomaco a produrre acido cloridrico e pepsina, che sono importanti per la digestione delle proteine.

Correlato:  Teoria di Open sull'origine della vita

Inoltre, la Gastrina 17 può stimolare la motilità gastrica e intestinale, aumentando la velocità con cui il cibo viene spinto attraverso il tratto gastrointestinale.

La Gastrina 17 è stata anche implicata in alcune patologie gastrointestinali, come la gastrite, l’ulcera peptica e il tumore gastrico.

Perché aumenta la gastrina: cause e sintomi

La gastrina è un ormone prodotto dalle cellule G dello stomaco, del duodeno e del pancreas. Questo ormone ha un ruolo fondamentale nella regolazione dell’acidità gastrica, della motilità gastrica e della secrezione di enzimi pancreatici.

La gastrina viene rilasciata in seguito a stimoli gastrici, come la presenza di cibo nello stomaco, e agisce sulla mucosa gastrica aumentando la secrezione di acido cloridrico e di pepsinogeno.

Quando la gastrina aumenta oltre i livelli normali, può essere indice di diverse patologie gastrointestinali. Tra le cause più comuni di aumento della gastrina troviamo:

  • Gastrinoma: è un tumore delle cellule G che produce gastrina in modo autonomo, senza rispondere a stimoli gastrici normali. Il gastrinoma è associato alla sindrome di Zollinger-Ellison, una patologia che causa l’ipersecrezione di acido gastrico e ulcere gastriche multiple.
  • Anemia perniciosa: è una malattia autoimmune che colpisce le cellule parietali dello stomaco, responsabili della produzione dell’acido cloridrico e del fattore intrinseco. La mancanza di fattore intrinseco porta a una carenza di vitamina B12, che può causare anemia e danni neurologici. In questa malattia, la gastrina aumenta perché l’acido cloridrico non è in grado di ridurre il pH gastrico.
  • Gastrite cronica: è una infiammazione della mucosa gastrica che può essere causata da batteri come l’Helicobacter pylori o da un’ipersensibilità alimentare. In queste condizioni, la gastrina aumenta perché l’acido cloridrico non è in grado di ridurre il pH gastrico.

I sintomi dell’aumento della gastrina dipendono dalla patologia di base. Nel caso di gastrinoma, si possono avere sintomi come dolori addominali, diarrea, vomito e ulcere gastriche multiple. Nella anemia perniciosa, i sintomi possono essere stanchezza, debolezza muscolare, formicolio alle mani e ai piedi. Nella gastrite cronica, i sintomi possono essere dolore epigastrico, nausea, vomito e perdita di peso.